Associazione Sconfinando
Bottega equo solidale

Dic 23

Auguri di Buon Natale 2016

E’ Natale ogni volta che sorridi a un fratello e gli tendi la mano. …

È Natale ogni volta che riconosci con umiltà i tuoi limiti e la tua debolezza.

È Natale ogni volta che permetti al Signore di rinascere per donarlo agli altri!

Madre Teresa di Calcutta

A tutti gli amici di Sconfinando tanti auguri solidali con le parole di Madre Teresa di Calcutta… e con le immagini dei nostri volontari in festa!

Permalink link a questo articolo: http://www.sconfinando-sesto.org/auguri-di-buon-natale-2016/

Dic 19

Regali di Natale 2016 sempre piu solidale

Non è Natale se non è equo e solidale!

Passate in Bottega per tanti proposte regalo per un Natale equo e solidale!

Eccovi qualche immagine di quello che potete trovare da noi! Vi aspettiamo!

Permalink link a questo articolo: http://www.sconfinando-sesto.org/regali-di-natale-2016-sempre-piu-solidale/

Nov 11

Birra Pintalpina: la birra artigianale e sociale

Oggi vi spilliamo una notizia spumeggiante: in Bottega è arrivata la birra Pintalpina, del birrificio artigianale e sociale Pintalpina, servizio ideato dall’Associazione Prometeo Onlus di Sondrio e dalla cooperativa sociale di tipo B Elianto, sempre di Sondrio. Il birrificio sociale nasce con l’idea di offrire opportunità di lavoro a giovani con disabilità.

Pintalpina è una birra sociale e buona, ma buona per davvero! E per tutti i gusti, ad oggi sono infatti in produzione quattro etichette di birra curate dal mastro birraio Mattia Monetti: Nigula, Sbrega, Witela e Sumartì.

Tutti i dettagli sulle birre li trovate qui sul sito di Pintalpina.

Passate in Bottega per cominciare ad assaggiarle, e se vi piacciono, perchè non pensare a una bella confezione di birra Pintalpina come originale regalo di Natale?

birra pintalpina1

birra pintalpina2

birra pintalpina3

 

Salva

Salva

Salva

Permalink link a questo articolo: http://www.sconfinando-sesto.org/birra-pintalpina-la-birra-artigianale-e-sociale/

Ott 31

Ritornano i prodotti freschi solidali con alcune gustose novità

agricultori

In arrivo i tradizionali prodotti freschi solidali e anche tante gustose novità: oltre alla frutta, ecco anche tanti salumi, che hanno un sapore tutto particolare, quello della solidarietà. Arrivano infatti dal territorio amatriciano colpito dal terremoto, famoso proprio per la qualità eccellente dei suoi insaccati.

PERE DAGLI AGRICULTORI 

Gruppo di piccole aziende agricole della provincia di Modena, filiera corta sostenibile 100% agricola.

Cassetta PERE KAISER peso indicativo di circa 4,0 kg

Cassetta PERE ABATE peso indicativo di circa 4,0 kg

Cassetta PERE DECANA peso indicativo di circa 4,0 kg

AGRUMI BIO ANTI MAFIA

Ritornano gli agrumi del consorzio SICILIA VOSTRA.

Cassette di arance Washington-navel da 9 kg.

Cassette di arance Kg.6 e Clementine kg.3

 IMPORTANTE: per tutti gli ordini (che si chiudono nei prossimi giorni) contattate al più presto la bottega all’email: sconfinando_sesto@libero.it.

Affrettatevi! I prodotti freschi solidali sono la perfetta combinazione di gusto, qualità e solidarietà!

SiciliaVostra

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Permalink link a questo articolo: http://www.sconfinando-sesto.org/ritornano-i-prodotti-freschi-solidali-con-alcune-gustose-novita/

Set 19

Novità: LiberoMondo linea equosolidale dal Libano

Novità d’autunno in bottega

La bottega riapre con delle gustose novità: Terra dei Sapori, i prodotti LiberoMondo della nuova linea equosolidale dal Libano.

Direttamente dai produttori di Fair Trade Lebanon, LiberoMondo ci porta una serie di nuovi prodotti, che arricchiscono la nostra bottega con i profumi e i sapori della cucina mediorientale e mediterranea.

Sono sette nuovi prodotti tra legumi, cereali, confetture e spezie. Scopriamoli insieme.

Liberomondo-equosolidale-lenticchie

Ecco allora i ceci, le lenticchie, in versione tradizionale e nella variante lenticchie rosse decorticate: fanno parte di una tradizione mediterranea che unisce la cucina libanese alla nostra, che amiamo consumarle in salse, zuppe e minestre (perfette per i primi freddi autunnali) e in tutti i modi che la fantasia ci suggerisce.

Consigliato in abbinamento con le lenticchie è il Sumac, spezia di colore rosso e sapore acidulo molto usata nella cucina mediorientale. Si accompagna bene anche con pollo, salse alle yogurt, insalate e piatti a base di pesce.

Liberomondo-equosolidale-Libano

Altro prodotto di LiberoMondo linea equosolidale dal Libano è il Bulgur è un alimento ricco di fibre e povero di grassi e calorie. Si ottiene da semi  integrali di grano duro cotti a vapore, essiccati e frantumati. Ingrediente base del tabouleh, piatto tipico della cucina mediorientale, si usa anche per preparare insalate e accompagnare piatti di carne e verdure grigliate.

La crema di hummus, a base di ceci, è tra i cibi più rappresentativi della cucina del Libano. Salsa versatile e antipasto gustoso, è ottimo anche abbinato a carni e verdure.

La confettura di fichi e sesamo, altra delizia dal Libano, ha un sapore morbido, delicato e non troppo dolce. interessante l’abbinamento con formaggi di media stagionatura.

Questi i sette prodotti, ai quali aggiungiamo un’altra bontà. E’ la focaccia salata e croccante della tradizione italiana, anzi genovese, fatta con ingredienti semplici e con l’olio extravergine di oliva del commercio equo. Leggera e gustosa, è perfetta in tutte le occasioni.

Vi aspettiamo in bottega: non fatevi scappare queste novità di LiberoMondo linea equosolidale dal Libano a base di sapori e profumi mediterranei.

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Permalink link a questo articolo: http://www.sconfinando-sesto.org/novita-liberomondo-equosolidale-dal-libano-di/

Lug 28

Buone vacanze eque e solidali!!!

Cari amici della Bottega, in queste caldissime giornate d’estate vi salutiamo con un consiglio a tutta freschezza: una Ubuntu Cola, un FrioTè o un Guaranito vi dissetano, vi rinfrescano e vi fanno stare meglio. L’equosolidale fa bene a te e fa bene a tutti.

Buone vacanze eque e solidali a tutti!!!

bibite equosolidali

Salva

Salva

Salva

Permalink link a questo articolo: http://www.sconfinando-sesto.org/buone-vacanze-eque-e-solidali/

Lug 07

I Piccoli Ambasciatori di pace – i bambini sahrawi a Sesto

Sahrawi-bimbiSono i Piccoli Ambasciatori di pace, perché trasmettono il messaggio di speranza e di pace del loro popolo.

Anche quest’anno, i Piccoli Ambasciatori di pace tornano in città: dal 2008, ogni estate a Sesto e in altri comuni vengono accolti dei gruppi di bambini e ragazzi, insieme ai loro accompagnatori. Grazie a questo soggiorno, possono sottrarsi alle terribili condizioni dell’estate nel deserto, godere di un’alimentazione più sana e dei controlli sanitari indispensabili, oltre ad entrare in contatto con altre realtà e culture.

Sono arrivati domenica 3 luglio, insieme a molti altri accolti a Mantova, Parma, Sesto Fiorentino, ecc. Sono 5 maschi e 5 femmine, provengono dai campi profughi presso Tindouf in Algeria, dove sono nati, e per loro è la prima uscita dai campi per curarsi e godere di una salutare vacanza.

Il loro soggiorno è seguito dai volontari di Karama (dignità), associazione di solidarietà con il popolo sahrawi, insieme ai volontari delle tante associazioni che si sono rese disponibili, con il coordinamento dell’Amministrazione comunale, e prevede controlli sanitari, incontri con la popolazione e tanti momenti di svago!

Un interessante appuntamento il 12 luglio: le associazioni Karama e Shanti Sahara (che ospita bambini disabili sahrawi nel comune di Cernusco) organizzano IL SAHRAWI DAY in Villa Visconti d’Aragona. Alle 18 la presentazione della graphic novel Mariem Hassan-Io sono sahrawi, sulla vita della grande cantante sahrawi recentemente scomparsa e sui tormenti del suo popolo, poi la festa di benvenuto ai Piccoli ambasciatori di pace e alle 21.30 la proiezione del film “Solo per farti sapere che sono viva”, sulle persecuzioni delle donne sahrawi nei territori occupati dal Marocco.

Anche Sconfinando ha sempre partecipato all’accoglienza dei bambini sahrawi, e anche questo luglio collaboreremo ad alcuni momenti di animazione per i ragazzi.

Quest’anno tuttavia il nostro impegno è prevalentemente concentrato sul lavoro di preparazione di iniziative e progetti di più lungo termine, che partiranno nei prossimi mesi e che prevedono un più ampio e duraturo coinvolgimento e sensibilizzazione per la causa sahrawi. Continuate a seguirci, a breve maggiori informazioni!

Qui condividiamo alcune brevi informazioni sul popolo saharawi, ulteriori approfondimenti li trovate a questo link ad un approfondito dossier di Nigrizia.

Un po’ di storia

Il popolo sahrawi, che in arabo significa “gente del deserto” vive  nel Sahara Occidentale, è di origine araba e di religione musulmana, la sua cultura è un mix di tratti arabi, africani e berberi.

Il territorio del Sahara Occidentale, circa 266.000Kmq a Sud del Marocco sull’Oceano Atlantico, colonia spagnola fino 1975, passa in seguito sotto il controllo di Marocco e Mauritania.

Nel 1973 si costituisce il Fronte Polisario, fronte di liberazione contro gli invasori e per il diritto del popolo Sahrawi all’autodeterminazione e all’indipendenza.

Nel 1976 il Fronte Polisario ha proclamato l’indipendenza con la nascita della Repubblica Araba Sahrawi Democratica (RASD).

Nel 1979 la Mauritania ha firmato un accordo di pace con il Polisario riconoscendo la RASD, mentre il Marocco ha da allora rafforzato l’impegno bellico, con gravissime e reiterate repressioni ai danni della popolazione Saharawi.

Dal 1991, anno del piano di pace dell’ONU che prevede un referendum che consenta ai Sahrawi di decidere autonomamente tra l’indipendenza e l’integrazione con il Marocco, la situazione di fatto è bloccata per gli ostacoli posti dal Marocco. Ad oggi la diplomazia internazionale, nonostante qualche timidissima apertura, è in sostanza sulle posizioni del Marocco, incluse le potenze ex-colonialiste europee. Anche perchè il Sahara Occidentale è ricco di risorse naturali.

Membro dell’Unione Africana dal 1982, la RASD è oggi uno Stato che c’è senza esserci.

Sahrawi-campi 015

Il popolo sahrawi

E’ proprio il popolo Sahrawi che, insieme al Fronte Polisario, tiene in vita questo paese con un indomito coraggio, resistenza e coesione interna.

Il Sahara Occidentale è diviso da nord a sud da un muro lungo 2700 km costruito dal Marocco e presidiato dall’esercito, per impedire ai Sahrawi di tornare nella loro terra.

Il popolo sahrawi vive diviso. Una parte è rimasta nei territori originari, oggi chiamati i territori occupati, e subisce l’occupazione del Marocco: qui la repressione è durissima, con imprigionamenti, torture e scomparse dei resistenti. A seguito delle repressioni e bombardamenti, dal 1975 buona parte della popolazione vive nei campi profughi nel deserto di pietre e sassi del Tindouf, nel territorio dell’Hammada nel Sud-Ovest dell’Algeria. Qui si sono dati un’autonoma organizzazione politica e amministrativa. I campi sono gestiti  in gran parte dalle donne che hanno assunto ruoli di responsabilità. Sono le donne infatti a sostenere l’organizzazione sociale, gestendo in prima persona la struttura amministrativa, l’educazione, la scuola e la vita quotidiana nei campi profughi in Algeria. All’interno dei campi due organismi hanno grande rilievo: il Congresso delle Donne e la Gioventù Sahrawi. E’ proprio quest’ultima che organizza le vacanze estive dei ragazzi in Europa.

Grazie a Giovanna Andreoni dell’Ass. Da Donna a Donna di Sesto per il link di approfondimento e per le foto,  da lei scattate nei campi di Smara nel Tindouf, nel 2013 durante la terza “Conferenza internazionale sul diritto alla resistenza della donna sahrawi”.

 

Salva

Salva

Permalink link a questo articolo: http://www.sconfinando-sesto.org/i-piccoli-ambasciatori-di-pace-i-bambini-sahrawi-a-sesto/

Giu 30

Abbigliamento estivo, equosolidale si può

Ma l’abbigliamento estivo può essere anche equosolidale? Sì!

Sicuramente sì, si può stare belli, freschi e colorati e al tempo stesso sentirsi equi e solidali..

Come? E’ presto detto, anzi fatto: passate in Bottega, troverete magliette, capi di abbigliamento, sciarpe e perfino sandali.

Guardate questa maglietta da donna, realizzate dalle cooperative del solidale italiano: linea e modello molto femminili, con stampata una bellissima citazione di De Gregori.

abbigliamento estivo maglietta bianca

Qui invece un modello da uomo: a tutto colore con le parole di una canzone di Daniele Silvestri.

abbigliamento estivo maglietta rosso

E per finire un classico dell’estate in Bottega: i sandali dalla Palestina della Onlus Vento di Terra.

abbigliamento estivo sandali

Questi sono solo degli esempi: passate in Bottega, troverete tante altre magliette, in tanti colori e modelli,altri capi d’abbigliamento e accessori.

Perchè davvero, anche l’abbigliamento può e deve essere equo e solidale!

 

Salva

Salva

Permalink link a questo articolo: http://www.sconfinando-sesto.org/abbigliamento-estivo-equosolidale-si-puo/

Post precedenti «